#

#

lunedì 28 dicembre 2015

Difesa, gioco e volontà. Sassari vola! 80-75 su Pistoia


Potrebbe bastare la lettura del titolo per raccontare in nuce la partita di ieri sera. Ma siccome non siete l'utente medio dei socials (che legge solo i titoli e poi condivide a tutto spiano) ma qualcosa di più, parliamo della splendida partita di ieri, vinta su una squadra che gioca un basket essenziale e spettacolare: la squadra di Vincenzino Esposito.
        
Matteo: ancora in quintetto e ottima partita (foto di Max Turrini)
        
Esposito aveva fatto un miracolo a metà nella scorsa stagione, prendendo una squadra scapestrata e mal guidata dai due precedenti coach (uno di questi purtroppo era il nostro Zare), e le aveva dato anzitutto un'anima, poi un gioco e quindi una precisa identità. Le stesse caratteristiche che ieri sera abbiamo riscontrato in presa diretta con una Pistoia che già nei passaggi televisivi si era fatta notare come un bel gruppo, costruito bene e dal gioco efficace oltre che bello da vedere. 
       
La partita di ieri è stata giocata proprio su questo spartito: con difese arcigne da parte di ambedue le squadre (e gli arbitri che hanno concesso un po' troppo) ma anche con attacchi intelligenti, frutto di letture attente e conseguenti adeguamenti in corsa. I time-out dei due coach sono arrivati col contagiri e hanno prodotto sempre degli input coi quali le due formazioni hanno migliorato il loro gioco progressivamente, con evidente giovamento per chi va a vedere le partite anche guardando questo aspetto - non tanto nascosto - del gioco. Alternanza di zone a uomo, cambi frequenti sui blocchi, ribaltamenti da lato a lato e ove necessario gli uno-contro-uno che hanno dato tanti frutti ad entrambe le compagini. Uno spettacolo.
     
La partenza della Dinamo è stata praticamente perfetta: il +13 è stato frutto di giocate pulite e ciniche. Poi Esposito cala l'asso, e sposta il lungo (ma atletico e longilineo) Lombardi in marcatura su David Logan. Contemporaneamente i coaches danno spazio alle panchine e complice qualche minuto di "fate quello che volete" concesso dagli arbitri... nella confusione di botte, hand-checking e corse Pistoia è risalita. Lombardi ha fatto tre evidenti falli nel primo tempo su Logan ma ha terminato i primi 20' con nessuna penalità sul tabellino. Pistoia era avanti, anche perché aveva già recuperato 5 palloni importanti entrando nelle nostre linee di passaggio e esplodendo contropiedi spettacolari (un paio di schiacciate da mettersi le mani in testa). Però quei recuperi sono rimasti 5: nessuno nel secondo tempo. Perché? Facile: la Dinamo ha attaccato di più il ferro, seguendo l'esempio di Logan, che marcato da uno più lungo non potendo tirare da fuori e avendo difficoltà a trovare buone linee di scarico, ha iniziato a penetrare. Risultato: tre falli immediati di Lombardi e tutto da rifare.

Là è venuta fuori la Dinamo più incredibile, che ha giocato con Brian in post basso per creare gioco sugli scarichi (vedi per esempio Eyenga a rimorchio), e che ha sparato tante triple facendo collassare la difesa ospite in aiuto sotto canestro per scaricare la palla sull'arco coi tempi giusti: e le triple sono piovute, anzi: grandinate. Poi Haynes ne ha messe un paio delle sue con la mano dell'avversario in faccia e SASSARI ha rimesso la freccia, stavolta senza più guardarsi indietro.
   

     

     

     

        

       

       

La carica più energica è stata data dal pubblico e infatti Calvani e Haynes alla fine hanno ringraziato. Non è stato solo il Commando a menare queste danze, dal nostro settore sono stati lanciati diversi cori che hanno coinvolto un pubblico che pare aver ritrovato quella fame di vittorie che sembrava smarrita. Sembrava proprio una partita di playoff. 
    
La sportività (QUI)
      
La vittoria è meritata ma se si fosse perso non ci sarebbe stato niente da recriminare, dato il valore dell'avversario. E quindi amici e amiche del blog: due partite toste in casa e due vittorie importantissime, che rilanciano le quotazioni dei nostri ragazzi molto in alto, come in alto è la squadra, ancorata al gruppo delle seconde in pianta stabile. Ora non ci si guardi più indietro, ma non intendo la classifica: intendo le partite giocate e perse contro quelle Bologna e Torino che ieri sera hanno dato un brutto spettacolo in diretta televisiva. E' acqua passata, e anche se è vero che con quelle due partite vinte si sarebbe primi in solitaria, bisogna settare le testa e mettere nel mirino quel che verrà, con la consapevolezza ormai acquisita che questo gruppo quando gioca con questa testa e ferocia può competere con chiunque in Italia. Poi si potrà anche perderne qualcuna, e pazienza. Ben ritrovato, pubblico del Palazzetto. Ben ritrovato, Cuore dinamista. Avanti così.
Due parole sulle cifre. 10 giocatori a referto! La valutazione complessiva recita un 98-73 a nostro favore che non lascia alcuno spazio a dubbi su chi meritasse un po' di più la vittoria. La Dinamo ha tirato meglio da due (52.4 contro 49.1) e da tre (35.7 contro 29.4). Vinta la battaglia degli assist (19 a 16, con Haynes a quota 6 dopo i 9 dell'altro giorno - si può dire che questo sistema di gioco di Calvani gli sta giovando - e Logan a quota 5, vero play aggiunto e d'oro). Ben sotto a rimbalzo 35-41 ma finalmente Varnado è andato in doppia cifra: 13, e credo sia la prima volta quest'anno (segnatela sul calendario). Il saldo perse-recuperate è -3 per noi (10-7) ma -8 per gli ospiti (13-5) e qui pesa quanto detto prima: Pistoia ha recuperato i suoi 5 palloni tutti nel primo tempo, non riuscendo nel secondo a rompere gli ingranaggi del nostro gioco... qui i complimenti vanno tutti a coach Calvani. Curioso infine il discorso falli-tiri liberi: 20 falli sanzionati a Pistoia, 12 a noi. Ma i tiri liberi avuti dalla terna sono stati 11 per gli ospiti e 10 per la Dinamo. E' proprio vero: scegliere i fischi (azione di tiro o no) fa una grande anzi, enorme differenza. E francamente non capisco come abbia potuto lamentarsi Esposito alla fine, visto il trattamento sul velluto che ha ricevuto per tutto il primo tempo. Ad ognuno il suo, Cenzino. E a proposito, sarebbe anche da ricordare che in uno dei momenti topici del secondo tempo su una delle palle rubate da Logan è stato commesso un fallo antisportivo sesquipedale, ma depenalizzato a semplice fallo da Taurino. Ok? La partita avrebbe preso una direzione ben precisa in quel momento. Ok?
  

Il 75-75 del trio Logan-Formenti-Petway!
Posted by Dinamo Sassari in SERIE A! <3 on Domenica 27 dicembre 2015
    
In tribuna si è discusso sulla scelta di coach Calvani di lanciare ancora in quintetto Matteo Formenti: direi che si è rivelata ottima. Matteo ha un ottimo tiro e in difesa si sta sbattendo tanto; da quando è venuto a SASSARI è come se fosse andato a ripetizione da DeVecchi. A proposito, ieri Jack non stava bene (problemi muscolari) come anche Joe Alexander (che per fortuna ieri sulle finte non saltava), il quale era venuto a Sassari mezzo rotto. E, parole di Calvani, non c'è un caso Eyenga.
    
Altro da aggiungere? Fatelo voi. Che ne pensate?
    
#ForzaDinamo



SPAZIO COMMENTI:


8 commenti:

  1. direi che hai detto tutto, col tuo post informatissimo. Pensate che avevamo Eyenga non al top (gli è stato preferito Formenti), Alexander reduce da dolori muscolari come spiegato da Calvani in conferenza stampa, e Devecchi in panchina del quale ho sentito tanto la mancanza in fase difensiva. In queste condizioni incomplete, la Dinamo ha fatto sua la partita contro una Pistoia tra le più forti viste in questi ultimi 5 anni di serie A della squadra toscana. Quindi pazienza, pazienza e ancora pazienza: anche i detrattori del presidente Sardara si stanno rendendo conto del durissimo lavoro impostato da coach Calvani, del quale si vedono i risultati in termini di schemi e di temuta mentale. Il 2 gennaio si va a Milano in quella che ormai è una classica, preludio delle final8, e quella potrebbe essere davvero la prova del nove per sondare possibilità, caratura, eventuali velleità della Dinamo di quest'anno, tanto diversa da quella dello scorso anno. Spiace per quelle sconfitte che hai richiamato, in trasferta contro Torino e Bologna (che brutta partita quella vista ieri notte!), ma l'origine di quelle debacle sta nei problemi di una squadra che faticosamente, in una situazione ambientale di "emergenza", si sta cercando di risolvere uno alla volta.
    Forza Dinamo sempre e buon 2016.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi associo alla bocciatura della partita serale Torino-Bologna. Non fosse stato per il risultato in bilico era partita da mollare subito. Poi però pensi, ma queste due ci hanno battute entrambe. Ed allora capisci un po' di più perchè la classifica è così racchiusa in tante squadre.

      Elimina
  2. MI accodo ai vostri scritti e commenti: Dinamo davvero in miglioramento nei due lati del campo, con una identità di gioco e di squadra in netto miglioramento. Grande sofferenza ieri sera però Pistoia gioca davvero una bella pallacanestro.
    Esposito si sta rivelando un allenatore che può ambire a scenari più blasonati, non stupiamoci se verrà sottoscritto da qualche squadra blasonata e vincerà qualche scudetto.
    Bravissimo lui. Ma più bravo ieri Calvani: c'è tantissimo merito suo nel gioco e nella tenuta mentale della squadra.
    E ora finalmente una settimana piena di allenamenti: oro coloato che luccica!

    RispondiElimina
  3. Goduria sopra ogni limite.
    Cattiveria agonistica e attacco monello.
    Birrette assicurate ai giocatori, come li stano alla Club House son cavoli loro!
    Siamo ancora all'inseguimento di milano, sbarniamo tutto senza pietà.
    E forza Dinamo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    RispondiElimina
  4. Assente al palaserradimigni per via della febbre, ho sofferto davanti alla diretta televisiva di Videolina. Si è sentito tanto tifo dalle tribune e non solo dalla curva, e mi ha fatto davvero piacere.
    Difesa in difficoltà fino alla fine, perché Pistoia ha delle soluzioni offensive molto eficaci, però due giri di vite in difesa e negli ultimi minuti si è operato il sorpasso. Due punti pesantissimi, bellissima vittoria e grande festa a casa con la tachipirina... di più non si poteva. Ho dormito tranquillo e oggi la febbre è sparita!!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahahahahahahah! questa medicina si trova anche in farmacia?
      Analizziamo, dopo gli scherzi.
      Brutti svarioni in difesa per troppo tempo, e proprio con Eyenga in campo si è pagato forte dazio. Christien deve acpire che partire dalla panca deve essere uno stimolo per spaccare la partita, crescerà.
      Bene Varnado a rimbalzo. Bene Haynes in regia: è in un sistema di gioco con regole certe e meno libertà, come con Meo Sacchetti, e lui aveva bisogno di questo per giocare meglio. La scelta di Sardara forse fu quella da fare, quella giusta. Anche se Meo mi manca.
      Bravo Calvani a fare gli aggiustamenti in corsa, e la squadra lo ha seguito.
      Brutto arbitraggio nel primo tempo: i nostri falli fischiati solo in azione di tiro, i loro no. Poi nel secondo tempo ci hanno reso tutto. Ma quell'antisportivo su Logan davvero non era da lasciar passare impunito. Brutta cosa.
      Bene così, e bel pubblico ritrovato: appena tornata a acsa ho dovuto fare la doccia!
      Forza Dinamo e auguri a tutti per un 2016 ricco di gioia e buona salute :D

      Elimina
  5. Troppo agitato ieri in tribuna per capire la partita, l'ho riguardata stamane sul sito della lega tv. Finale impressionante in crescendo con un aiuto arbitrale tremendo, ma è vero che poco prima non aveva fischiato Antisportivo su Logan che aveva borseggiato la palla e volava da solo a canestro.
    Dinamo trasformata e giustamente con grande fiducia: leggete il giornale di oggi le parole di tutti sono chiare. Il gruppo UNITO.
    Grazie ragazzi!!!!

    RispondiElimina
  6. La Dinamo che combatte a muso duro, ecola!
    Anche il bastone serve. Bene così. Avanti Dinamo.

    RispondiElimina