#

#

giovedì 24 dicembre 2015

Il regalo di Natale di una Dinamo fantastica: annichilita Reggio 94-70


La mano di Calvani, l'impronta del condottiero indomito, regala a SASSARI e a tutta la Sardegna un Natale coi fuochi d'artificio. Ci eravamo lasciati con lo sconforto per il missile terra-aria con cui Dyson aveva abbattuto i nostri sogni, ci rirtoviamo con lo stesso Dyson che ieri ha sbagliato il tiro libero che avrebbe portato la sua Torino ai tempi supplementari. Ma soprattutto ci risvegliamo in questa vigilia di Natale col sapore più dolce possibile.
   
Calvani: almeno lui non entra in campo durante il gioco (foto La Nuova Sardegna)
     
Perché sono partito da Calvani? Facilissimo. Chi ha visto la partita sotto un profilo anche tattico - e non solo di Cuore - ha notato che l'impostazione della contesa di ieri è stata impeccabile sotto ogni punto di vista. Aradori e Della Valle sono stati imbrigliati e raddoppiati coi tempi giusti, Gentile idem, e il solo - ieri ottimo - De Nicolao si è visto concedere qualche tiro (fra l'altro tutte triple mandate a bersaglio, un ragazzo che era stato fantastico nella scorsa stagione di Legadue). Sui lunghi il discorso è appena diverso, perché là la coperta era appena più corta, ma nessuno di essi ha inciso davvero. Certo, a Menetti mancava ancora Kaukenas, e Polonara era a meno di metà servizio (non stava bene, camminava a stento), però con questo stesso organico appena ridotto Reggio aveva inanellato una serie importante di vittorie nell'ultimo mese, fino ai ieri sera. Quindi il merito della vittoria di ieri è tutto della nostra squadra e del nostro coach. E non scordiamo che Varnado e Alexander sono stati rimessi in sesto - incerottati - all'ultimo momento dallo staff medico, quindi non è che noi non avessimo problemi. Anzi.
       
Ma il merito è anche del pubblico. Risvegliato da una coreografia costruita con pazienza dai tifosi in settimana (interminabili ore al Palazzetto inginocchiati per terra - come ai tempi della mia Alta Marea), il pubblico è stato l'arma in più che ha dato la carica ai nostri ragazzi. Poi certo, in campo ci vanno loro, e ieri l'odore del testosterone si è sentito fino a ogni angolo del palazzetto.
     
La Divinità del Loganesimo: valutazione 38! (foto La Nuova Sardegna)
     
Ha funzionato praticamente tutto. Già a metà gara (con la Dinamo avanti a rimbalzo 16-8) le sorti dell'incontro erano ben indirizzate verso un finale roboante, e stavolta al ritorno in campo l'atteggiamento non è stato pigro, remissivo: c'era la voglia di spezzare in due la partita. Reggio ha accusato ogni colpo, e se la Dinamo ha vinto la partita soltanto di 24 punti è perché da chissà quale oratorio sono stati cacciati a pedate i tre arbitri che hanno avuto l'ardore di inscenare lo spettacolino di ieri sera. Il doppio dei tiri liberi concessi in maniera estremamente generosa ai nostri validi avversari e una gestione della partita imbarazzante nella lettura delle infrazioni - non solo fallose - dei fondamentali: ieri si poteva partire di corsa e poi eventualmente mettere palla a terra, il fischio per l'infrazione di passi di partenza è arrivato rarissimamente. Ieri si poteva mettere tenda, asciugamano da bagno e grigliatrice in area, il fischio per i tre secondi non si è mai udito, mai. Ieri si poteva correre in campo dalla panchina mentre il gioco era lì davanti, nessun fallo tecnico al coach. Si poteva tirare la maglietta, colpire in testa l'avversario... fate voi. Tanto la partita l'avete vista: non mi sto inventando niente. La comica sta tutta nel fatto che si era in diretta televisiva, e chissà cosa ne pensano Lega, Fip e colleghi arbitri dei tre di ieri. Io avevo la bile in circolo (eravamo davvero in tanti), ma oggi me la rido. Che spettacolino davvero. Ma pazienza, tanto alla fine della partita le bastonate sono state date anche agli ospiti ("a babbo morto" però).
           





         
Entrando un po' più dentro alla partita: tanta zona da ambedue le formazioni, ma gli attacchi hanno avuto la prevalenza. SASSARI ha avuto migliori spaziature e letture degli adeguamenti di Menetti, ecco perché tante triple (15) sono andate a bersaglio (solo 5 per i reggiani). Ma è con la difesa a uomo che la Dinamo ha fatto faville, e anche con l'attacco alla uomo di Reggio. Ieri fra Logan (8 assist) e Haynes (9 assist, sì: lucidatevi gli occhi, è tutto vero) era una scorribanda continua, penetrazioni saltando gli avversari come birilli, per creare superiorità numerica e scaricare assist al bacio (chiedo scusa, ma a me il termine "cioccolatino" fa proprio schifo). Dove poi non funzionava più, il Professore si è messo in proprio volando a canestro con appoggi al tabellone, lay-up a parabola e anche qualche semigancio. Sono ancora su di giri. E poi il contropiede, che ieri è stato assolutamente devastante. Reggio ha dovuto fare qualche fallo molto duro per bloccarlo (laccio al collo di Eyenga, botta in testa a Logan, maglietta trattenuta e tirata fuori dai pantaloncini ad Eyenga) e gli arbitri solo una volta hanno chiamato l'antisportivo. Un affarone. Ma non è servito a niente. Sconfitta Reggio, sconfitti i tre in grigio. Pubblico in visibilio e tanti sfottò verso chi se li è cercati. Si vince anche così.
  
     
Nell'ultimo possesso Calvani ha chiesto il canestro e Rok ha infilato la tripla: la differenza canestri potrà servire. Del resto siamo ancora là: le prime tre hanno perso e noi siamo lì sotto, pronti ad azzannare chiunque passi. Per esempio Pistoia, che ci farà visita domenica prossima. Un'altra battaglia? Spero proprio di sì. Con l'atteggiamento e l'organizzazione di ieri si può combattere efficacemente con chiunque. Siete tutti avvisati. Arbitri compresi.
        
BOXSCORE
CALVANI
MENETTI
VIDEO DELLA PARTITA
HIGHLIGHTS
       
Una cosa va sottolineata, la valutazione complessiva: 105-73 a nostro favore. Così ci piace Dinamo. Il resto delle statistiche leggetelo voi, e sorridete. Perché va bene.
     
     
Chiusura obbligata infine indicando e consigliando il libro di Giovanni Dessole con le foto strepitose di Max Turrini: una carrellata ad alto tasso emozionale della Dinamo recente, in attesa che in futuro ci siano altre belle imprese da raccontare mettendo nero su bianco. Fateci un pensierino, ok?

Buon Natale a tutti!
    
#ForzaDinamo



SPAZIO COMMENTI:




3 commenti:

  1. Non c'è UNA cosa che non mi sia piaciuta.
    Forza Dinamo e buon Natale a tutti i tifosi biancoblu!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Mi hai tolto le parole di bocca.
      Auguri a tutti, belli e brutti

      Elimina
  2. VITTORIA!!!!!!!
    E che belli i coretti per aradori e della valle!
    polonara non ha fumato sigarette, della valle non ha fatto flessioni.
    Bene così!!!!
    Amo LOGAN alla follia

    RispondiElimina