#

#

domenica 6 dicembre 2015

Ordine contro disordine. Vince con merito Trento 73-88


Purtroppo è andata come temevo. Ma non è la sconfitta, auspicabile visto il valore del forte avversario e meritata visto il gioco nell'arco dei 40', a farmi male (perché si può perdere), è quanto sta succedendo ora sui socials dopo i fischi in parte giustificati ma comunque non numerosi sentiti in campo già dal terzo Quarto.
       
Logan: ancora acciaccato
         
SASSARI, Sardegna, tifosi... mi rivolgo a Voi. Dove eravate oggi? Dove siete? Dov'è il tifo, il sostegno per la squadra? Quante persone che pagano abbonamento/biglietto (portoghesi a parte) possono dire di TIFARE davvero la Dinamo? Dove eravate oggi quando il Commando si sgolava per sostenere la Dinamo? Ve lo dico io: a fare poltrona. E una parte di voi era in attesa che arrivasse la prima sconfitta per sfogare frustrazione. Lo schifo che ho provato nel sentire i fischi durante la partita (ma alla fine ci poteva stare, sia chiaro eh) si è accresciuto dopo aver letto l'attacco ad alzo zero su Facebook. Ma avete letto quello che avete scritto? Lo sapete che il diritto di manifestare il proprio pensiero ha un limite (grazie alla riserva di legge in materia penale) nelle discipline dei reati di Diffamazione e Ingiuria? Ma come può così tanta gente scrivere gli abomini che si stanno leggendo adesso nei socials?
       
Avete visto la reazione - che NON condivido - di Sardara? Siete contenti? Dove lo troviamo un altro presidente, un altro team come questo? Mi fate schifo: concittadini e corregionali impiccababbi pronti a pugnalare alle spalle salvo poi risalire sul carro dei vincitori alla prima vittoria importante.
        
Equilibrio. Intelligenza. Cuore. Questi sconosciuti.
         
E inseriamolo nelle rotazioni, su!
     
Oggi è vero che la Dinamo ha giocato peggio che nelle ultime convincenti uscite. E' evidente che le cose non vanno bene. E' vero che non abbiamo un play puro (ehi amebe: mancava anche l'anno scorso...), è vero che lunghi veri ne abbiamo pochi (e due non giocano... Calvani purtroppo la pensa come Sacchetti riguardo a Marconato e Pellegrino), è vero che il miglior difensore della squadra nei primi 3' minuti non ha visto il campo... sono vere tante cose (su: facciamo l'elenco). Ma quando arrivano le difficoltà si fa quadrato attorno ai colori sociali invece di scatenare la gazzarra. E se proprio ve la volete prendere con qualcuno: ci sono alcuni giocatori che proprio... ma presidente e allenatori non vanno toccati. Vi siete per caso dimenticati che la squadra dell'anno scorso è stata smantellata e la presente è stata costruita su precise richieste dell'ex coach? O volete fare voi i presidenti? Volete fare voi gli allenatori? Memoria corta, eh?
        
Cavolo, sono quasi a trenta righe e sulla partita ancora non ho detto quasi niente. E allora iniziamo. Trento è più forte. Punto. E' scesa in campo con i nostri stessi punti in classifica (ma qualche ameba se l'è dimenticato) e oggi ha giocato meglio. I primi tiri aperti a Trento sono entrati, a noi no. Sull'entusiasmo Trento ha costruito le fondamenta della sua sicurezza e fiducia, mentre la Dinamo ha come... avuto paura. Con Logan ancora zoppo, Petway fuori perché ancora infortunato, i due play a non fare playmaking, i due centri in panca a non vedere il campo... Insomma: niente di nuovo. E poi, sì: Alexander salta su ogni finta, anche su quelle di Lechtaler (con tutto il rispetto). Sì, è vero: ci sono tante cose da sistemare. Bisogna avere pazienza e sostenere la squadra. Non si cambia rotta in un attimo. Maghi Merlino non ne esistono.
        
         
Ma davvero qualcuno pensava che siccome si era vinto TUTTO l'anno scorso allora per grazia ricevuta si sarebbe vinto nuovamente tutto quest'anno? Ma il Basket lo conoscete? Lo Sport lo conoscete?
     
           
                 
Siamo indietro, è evidente, ma stiamo ricostruendo. E nonostante le evidenti difficoltà siamo ancora in alto, in lotta per i posti migliori. E' evidente che non vanno tante cose, ma non possiamo sbranare così col sangue agli occhi. Questa è indubbiamente una stagione di transizione. ORA vengono fuori i Cuori di chi ama davvero la Dinamo.
         
Scusate ma non mi viene da scrivere altro. Sono incaXXato nero.
         
Fate voi, visto che siete così bravi. Io mi tengo strette le chiacchierate fatte davanti a un bicchiere di vino coi ragazzi di Trento e vecchi tifosi dell'Alta Marea. E ringrazio il Commando perché esiste e si fa - lui sì - sentire, comunque vada. Imparate.
        
   
Presidente, una volta per tutte: lascia perdere i socials, e non mollare la Dinamo per così poco. Oggi sta andando male, domani si vedrà. Non dev'essere il malumore di un momento, seppure alimentato ad arte da imbecilli da tastiera, a farti abbandonare tutto. Lo sai bene che di cretini è pieno il mondo...
         
#ForzaDinamo
 
  
SPAZIO COMMENTI:






4 commenti:

  1. Poco carettere. Sembra che troppi giocatoir abbiano bisogno di vedere entrare qualche tiro per prendere fiducia.
    Io e il mio fidanzato siamo tornati a casa fradici, abbiamo fatto la doccia.
    Abbiamo tifato come matti, spesso siamo stati gli unici in piedi nel nostro spiocchio di settore.
    Troppe persone hanno urlato contro Sardara. Hai ragione: in tanti aspettavano una sconfitta per sfogarsi.
    Era meglio quando eravamo di meno: c'erano solo i veri tifosi, quelli che fanno tifo davvero.
    La squadra dopo l'impatto tutto emozione delle prime partite Calvani/gestione ora sta pagando dazio pesantemente.
    Lotteremo anche noi tifosi o cosa...?
    Sulla squadra... è evidente che abbiamo dei problemi strutturali e di testa. Ora attendiamo il rientro di Petway e vediamo se funziona. Se noi ciao, grazie, ci serve qualcun altro.
    Io non smetterò di tifare, i fischi li lascio agli altri.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io, essendo emigrato, purtroppo al palazzetto non riesco a venire praticamente mai. Se ci fossi stato mi sarei sgolato per sostenere la squadra, anche se domenica mi hanno fatto incazzare un bel po'. Spero che Sardara non getti la spugna perché finora ha fatto bene anche quando ha fatto scelte impopolari. Purtroppo qualche partita bisogna perderla, ne abbiamo perso parecchie l'hanno scorso, ne stiamo perdendo quest'anno. Purtroppo in Italia sono tutti allenatori sui social (me compreso probabilmente) e pochissimi capiscono piú del trash talking. Forza Dinamo sempre ci rialzeremo (e d'un tratto riempiremo ancora una volta Piazza D'Italia).

      Elimina
  2. caro Luca, al solito hai fatto la cosa giusta e hai scritto come stanno esattamente le cose.
    Aggiungo poco, per non rincarare la dose, ma ci sarebbe davvero da trarre delle conclusioni poco edificanti sulla gente, sulla sua irresponsabilità, sul minimo livello "culturale" di molte, troppo persone...sull'invidia e sul modo in cui le critiche a volte ficcanti siano ormai divenute mero attacco personale del tutto fine a sè stesso. Sul basket che è diventato il ricettacolo di sfoghi e frustrazioni personali, insieme a facebook, Grande Fratello che domina le nostre vite.
    A costo di farsi male. A costo di sfasciare tutto. A costo di non vedere cosa è avvenuto in altre realtà: Rieti, Roseto, Siena, Rimini, Forlì, Treviso, ecc. ecc. Stare in vetta e poi respirare in un nonnulla l'odore acre della polvere.
    Il nuovo presidente della Dinamo chi sarebbe, l'autore di "faccia di trudda" ? Fatecelo sapere a stretto giro.
    Lato tecnico. La Dinamo ha perso una partita, dopo avere rischiato di vincere a Mosca (CSKA, partita persa per colpa di Haynes), dopo avere rischiato di battere Maccabi (partita persa per colpa di Alexander), e dopo aver
    vinto due buone partite contro Pesaro e a Capo d'Orlando.
    In mezzo, qualche bella vittoria a Cantù e Varese, una vittoria praticamente gettata al vento a Istanbul in EL.
    I problemi ? sono diversi, e Calvani li sta studiando una alla volta : i lunghi che ricevono pochi palloni giocabili, le imprecisioni al tiro, la difesa che a volte si distrae (a volte per interi quarti), l'insufficienza dei playmaker.
    La difficoltà nel costruire validi assist. Il fatto che tutti si sbattono contro la Dinamo campione d'Italia.
    Il comportamento degli arbitri. Si potrebbe scrivere a lungo.
    Ci sono i "legami che ci tengono uniti", infine, the ties that bind. A volte mi sento tra amici, altre volte no, e non
    comprendo il senso del dividersi in questo modo deleterio, inutile e abbastanza infame.
    Forza Dianmo.

    RispondiElimina
  3. Tutto vero, tutto giusto. Secondi e stessi punti dell'anno scorso.
    A parte che con Brindisi e Venezia si è perso in casa. A parte che ancora non abbiamo giocato con nessun'altra delle squadre di prima fascia. A parte che in Eurolega siamo stati quasi sempre inguardabili. A parte che abbiamo tre/quattro ruoli occupati da giocatori non all'altezza (e parlo di atteggiamento, non solo di tecnica). A parte che si è tolto l'appoggio all'allenatore per fargli crollare la squadra addosso.
    A parte tutto questo, tutto bene, solo clap-clap.

    RispondiElimina